Caldo e siccità, consigli e soluzioni utili alla viticoltura

Temperature medie in costante aumento, estati sempre più siccitose e calde, una grande sfida per l'agricoltura italiana.

In queste condizioni la vite va in difficoltà, sopratutto in determinati areali poveri di acqua.

Ingiallimento delle foglie basali, scottature sui grappoli e influenza sulla maturazione sono i sintomi presenti sempre più frequentemente.

Per alcune varietà, come il sangiovese in Toscana, già a 35°C inizia a manifestarsi lo stress da caldo e seguente stress idrico, ma perché avviene questo?

Normalmente le piante regolano l’evapotraspirazione e l’equilibrio idrico tramite la regolazione della traspirazione fogliare e regolando il flusso di liquidi verso le foglie. Le acquaporine sono le mediatrici del flusso idraulico vegetale (Vande- leur et al., 2009) insieme alle caratteristiche anatomiche dei vasi conduttori (Lovi- solo et al., 2010) regolano il trasporto dei liquidi verso le foglie, per poi trovare gli stomi che, in base alla conduttanza stomatica regolata dagli ormoni e dalla superficie fogliare, sono responsabili della traspirazione all’esterno (Schultz, 2003).

Quando la pianta comincia a percepire una situazione di stress, attiva una serie di meccanismi che regolano quanto descritto prima per limitare al massimo il movimento di liquidi verso le foglie e la traspirazione attraverso gli stomi, chiudendoli, alcune varietà però in realtà non ci riescono del tutto, gli stomi vanno in crisi e rimangono aperti invece che chiudersi con il risultato opposto a quello necessario.



Quali strategie si possono utilizzare per aiutare i vigneti in queste condizioni?

  • Cimatura e sfogliatura, con temperature medie estive in aumento è prevedibile il rischio di forte stress e il conseguente disseccamento delle prime foglie (intorno ai grappoli). Per mantenere sempre sufficiente superficie fogliare per garantire la maturazione e la salute delle piante, consigliamo di sfogliare e cimare il minimo necessario, ogni foglia potrebbe essere importante più avanti.

  • Preparare le piante al forte caldo con biostimolanti specifici, gli idrolizzati proteici di origine vegetale si sono dimostrati i migliori per questo scopo. Il nostro consiglio è utilizzare ProTech fin dai primi caldi stagionali.

  • Sfruttare, quando possibile, prodotti come caolino e zeolite per creare delle barriere meccaniche al sole, ben inteso che questi prodotti sono utili per proteggere i grappoli e le foglie dalle scottature, ma in nessun modo aiutano la pianta a stimolare processi metabolici specifici.

Perché secondo noi ProTech e gli idrolizzati proteici sono la migliore soluzione?

ProTech è un idrolizzato proteico specifico, ricco di amminoacidi e peptidi a corta catena, molto attivo proprio per gli stress abiotici come caldo e siccità. ProTech agisce direttamente e rapidamente sulle acquaporine e sulla regolazione del sistema stomatico, garantendo il buon funzionamento della regolazione della temperatura e della traspirazione dei liquidi.

Con l'utilizzo di ProTech la temperatura fogliare è mediamente fino a 5°C inferiore rispetto ai testimoni non trattato, sintomo del mantenimento dell’efficienza dell’apparato. Le piante trattate con ProTech consumano fino ad un 30% di acqua in meno, garantendo una resistenza migliorata.


In alto, immagini scattate con fotocamera termica FLIR in vigneto in Toscana, nell'estate 2021 con temperatura esterna di 40°C. Nella foto a sinistra una pianta trattata con ProTech, la cui temperatura fogliare misurata è di 38,4°C, mentre la temperatura fogliare del testimone non trattato nello stesso vigneto è di 43,8°C.


Per maggiori informazioni su ProTech, clicca sul seguente link ProTech



Se queste informazioni ti sono sembrate interessanti, non perdere gli aggiornamenti sull’andamento stagionale, iscriviti alla nostra newsletter, è gratis! Riceverai bollettini fitosanitari e agrometeo aggiornati durante la stagione, ricevi l’informazione che ha salvato molte produzioni negli anni passati!

32 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti